La partoanalgesia

Con l’avvicinarsi del termine della gravidanza, aumenta l’emozione e il desiderio di conoscere finalmente il proprio bambino, ma cresce anche la preoccupazione legata al travaglio, al parto e al dolore fisico che si andrà ad affrontare.

Tuttavia, oggi la scienza medica ha sviluppato tecniche avanzate con l’obiettivo, appunto, di rendere più sicuro e meno doloroso il parto. Una di queste è l’analgesia epidurale in travaglio di parto – altrimenti nota come “parto indolore” o partoanalgesia. Si tratta di uno strumento di contenimento del dolore mediante l’uso di farmaci anestetici e oppiacei somministrati per via epidurale, dove “epidurale” sta semplicemente ad indicare una parte del nostro corpo, nello specifico la zona del canale vertebrale compresa tra il legamento giallo e la dura madre.

Oggi, grazie alle tecniche, esperienze e competenze raggiunte, la partoanalgesia è una tecnica raffinata, sicura e assolutamente di livello che, però, può essere ben realizzata solo nei centri specializzati che dispongono di un anestesista ostetrico 24 h su 24 h. Ogni donna oggi dovrebbe avere la possibilità di scegliere la partoanalgesia, per affrontare il travaglio e, successivamente, il momento espulsivo, in modo più rilassato e consapevole.

Una visita anestesiologica propedeutica alla partoanalgesia è assolutamente necessaria, per minimizzare le possibilità di rischi e complicanze. Durante tale visita il medico visionerà gli esami di laboratorio e strumentali effettuati e compilerà una scheda personale, annotando eventuali patologie, allergie e interventi chirurgici subiti. Dopo aver raccolto i dati necessari, il medico provvederà a illustrare le modalità di esecuzione dell’anestesia epidurale per il parto e a far firmare il consenso informato. Si tratta di un momento fondamentale, sia per la donna – che ha l’opportunità di essere informata su ciò che potrà accadere – sia per il medico che, al momento del parto, disporrà di tutte le informazioni utili sullo stato della donna e della sua gravidanza, al fine di poter agire nella massima sicurezza possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su