fbpx
cistiti

Cistiti: cause, sintomi e trattamento

La cistite è un’infiammazione delle basse vie urinarie che coinvolge l’uretra e la vescica. Si tratta di un’infezione molto comune, particolarmente fastidiosa, anche se non pericolosa (a meno che non si estenda alle vie genitali o alle alte vie urinarie). Può presentarsi anche negli uomini ma è decisamente più frequente nelle donne. Si stima, infatti, che il 50% della popolazione femminile ne soffrirà almeno una volta nella vita.

Quali sono le cause?

Generalmente le cistiti hanno origine infettiva, da batteri o miceti. In particolare, l’Escherichia coli è responsabile di oltre l’80% delle cistiti batteriche. Questo patogeno si trova comunemente nell’intestino e, talvolta, riesce a raggiungere la vescica dall’esterno (lungo l’uretra dopo l’emissione di feci), dall’interno (dal rene o da organi vicini) o per via ematica. Tuttavia, va precisato che normalmente il nostro organismo è in grado di resistere e contrastare le infezioni (vedi il mio articolo sul microbioma vaginale), ma alcune condizioni possono indebolirlo, rendendolo più vulnerabile all’aggressione di batteri. Ad esempio:

  • Terapie antibiotiche, alimentazione scorretta e stress possono debilitare il sistema immunitario
  • Igiene intima inadeguata (scarsa o eccessiva) può alterare il PH vaginale, favorendo infezioni batteriche
  • Assorbenti interni, coppette mestruali, biancheria sintetica, diaframma, catetere, etc. possono contribuire alla proliferazione batterica
  • Rapporti sessuali possono causare microlesioni della mucosa che facilitano l’attacco batterico

Esistono, inoltre, condizioni diverse – non associate a infezioni batteriche – che possono rappresentare un fattore di rischio per l’insorgere delle cistiti, come:

  • Infiammazioni croniche della vescica
  • Malattie sessualmente trasmissibili 
  • Malformazioni dell’apparato urinario
  • Restringimenti uretrali
  • Calcoli o tumore della vescica
  • Terapie con radiazioni

Nel 75% dei casi la cistite si risolve in un singolo episodio; ma in un 25% di donne essa si presenta più frequentemente divenendo cronica o ricorrente (quando si manifesta più di 2 volte in sei mesi o 3 in un anno).

Sintomi della cistite

È abbastanza semplice riconoscere una cistite poiché, nella maggior parte dei casi, essa presenta dei sintomi evidenti:

  • sensazione persistente di dover urinare con urgenza
  • aumento della frequenza di minzioni nell’arco della giornata
  • minzioni lente, poco copiose e faticose, caratterizzate da bruciore e dolore
  • più raramente: spasmi o sensazione di pressione nell’area pelvica, presenza di sangue nelle urine, urine torbide, leggera febbre

Cosa fare se si è affetti da cistite?

Innanzitutto occorre consultare il proprio ginecologo che saprà consigliare come procedere. Generalmente viene prescritta l’analisi delle urine e l’urinocoltura per verificare l’eventuale presenza di batteri. A questo punto, se sarà confermata la causa batterica, si consiglierà una terapia adeguata, che sarà valutata sulla base dell’agente patogeno scatenante l’infezione.

In ogni caso, si raccomanda (anche per prevenire eventuali cistiti):

  • avere una corretta igiene intima
  • bere molto, almeno 2 litri d’acqua al giorno
  • seguire una dieta più sana, evitando cibi molto raffinati, speziati o piccanti e privilegiando frutta e verdura
  • non trattenere l’urina e svuotare la vescica spesso e in modo completo
  • evitare prodotti intimi troppo aggressivi

Se sei alla ricerca di un ginecologo a Napoli – specialista in Ginecologia e Ostetricia, Chirurgia Ginecologica endoscopica, Infertilità e Patologia della Riproduzione, Fecondazione Assistita (FIVET) – contattami alla sezione “Contatti” o prenota una visita, anche online, cliccando il tasto in alto “Prenota ora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su