fbpx
ovulazione dolorosa sintomi

Ovulazione dolorosa sintomi e cause

L’ovulazione corrisponde alla fase “centrale” del ciclo, in cui l’ovocita viene rilasciato dall’ovaia. Avviene circa 14/16 giorni prima dell’inizio del successivo ciclo mestruale e generalmente comporta sintomi generici e poco fastidiosi. Ma non sempre! Circa un 20% di donne presenta un’ovulazione dolorosa che può essere abituale o sporadica.

Continua a leggere per saperne di più sull’ovulazione dolorosa, i sintomi, le cause e gli eventuali trattamenti.

Ovulazione dolorosa e sintomi

I dolori da ovulazione (o Mittelschmerz, dal tedesco “dolore di mezzo”) sono simili ai dolori mestruali, ma li si riconosce soprattutto perché si manifestano in un periodo lontano dalle mestruazioni (circa a due settimane dal ciclo precedente e successivo). In questo caso il dolore:

  • è localizzato nel basso ventre (avvertito come fitta, crampo o pressione)
  • interessa il lato destro o sinistro (a seconda dell’ovaia che sta rilasciando la cellula uovo)
  • si manifesta solo per poche ore o può persistere fino a due giorni

altri sintomi sono:

  • dolore al seno (mastalgia)
  • leggero sanguinamento (spotting)
  • perdite vaginali (soprattutto muco cervicale)
  • nausea (se il dolore è molto forte)

Ovulazione dolorosa e cause

Al momento dell’ovulazione il follicolo, che si sviluppa all’interno dell’ovaia, diventa maturo e scoppia, rilasciando l’ovocita. In caso di ovulazione dolorosa, i principali fastidi possono essere causati da:

  • crescita dei follicoli: prima che avvenga l’ovulazione, i follicoli si sviluppano e aumentano le proprie dimensioni all’interno delle ovaie, causando la dilatazione delle pareti di quest’ultime
  • scoppio del follicolo: al momento dell’ovulazione l’ovocita viene liberato dal follicolo attraverso la rottura della parete dell’ovaio
  • liquido follicolare: quando il follicolo scoppia il liquido follicolare, che circonda la cellula uovo nelle ovaie, viene rilasciato – insieme a una piccola quantità di sangue – e può irritare il peritoneo (ossia la membrana che riveste la cavità addominale)
  • tube di Falloppio: dopo l’ovulazione le tube di Falloppio possono contrarsi per aiutare l’ovocita a raggiungere il liquido seminale

Come trattarla?

Generalmente un’ovulazione dolorosa non deve destare preoccupazione; rappresenta una condizione abbastanza frequente e non pericolosa; si risolve spontaneamente nel giro di poche ore e non necessita di trattamenti specifici. Tuttavia, se il dolore è costante, si verifica ogni mese ed è particolarmente intenso, merita un’attenzione in più poiché potrebbe essere sintomo di qualche disturbo diverso (endometriosi, infiammazioni pelviche).

Inoltre, se il dolore è molto fastidioso si può ricorrere a:

  • metodi di contraccezione ormonale che impediscono l’ovulazione, prevenendone il dolore
  • antidolorifici
  • semplici rimedi casalinghi, come un bagno caldo o una borsa d’acqua calda posizionata sull’addome, che contribuiscono a un maggior afflusso di sangue, facendo rilassare i muscoli tesi e alleviando i crampi.

Se sei alla ricerca di un ginecologo a Napoli – specialista in Ginecologia e Ostetricia, Chirurgia Ginecologica endoscopica, Infertilità e Patologia della Riproduzione, Fecondazione Assistita (FIVET) – contattami alla sezione “Contatti” o prenota una visita, anche online, cliccando il tasto in alto “Prenota ora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su